• RSS
  • youtube
Home  -  News  -  Politica  -  In-giustizia  -  Trasferire la Pietà Rondanini a San Vittore?

Trasferire la Pietà Rondanini a San Vittore?

Se è vero che il trasloco dell'opera di Michelangelo costerà 700 mila euro (pagati dalla fondazione Cariplo) perché non destinare quei fondi a rimettere in sesto almeno qualche cella del carcere milanese?

Trasferire la Pietà Rondanini a San Vittore? Trasferire la Pietà Rondanini a San Vittore?
La Pietà Rondanini, l'opera di Michelangelo esposta nella mostra "L'ultimo Michelangelo" che si inaugura domani 24 marzo 2011 al Castello Sforzesco a Milano. MATTEO BAZZI / ANSA

Tag:  michelangelo buonarroti pietà roindanini

di Maurizio Tortorella

Il trasloco della Pietà Rondanini dal Castello sforzesco al carcere di San Vittore sta giustamente suscitando mille polemiche: c’è chi si domanda (con qualche ragione) perché mai l’ultima, modernissima scultura di Michelangelo debba essere piazzata in un sito dove difficilmente sarà visitata; c’è chi protesta (e invece sbaglia) contro la scelta simbolica di accomunare la Pietà al carcere.

Ora si scopre che il trasloco, malgrado copra una distanza di 500 metri in linea d’aria, costerà 700 mila euro, anche a causa di qualche problema di messa in sicurezza. La cifra è davvero considerevole e ribalta completamente il discorso. Perché è vero che a sostenerla sarà (pare) la Cariplo. Ma è altrettanto vero che con 700 mila euro si potrebbe rimettere in sesto almeno qualche cella di San Vittore, come tutte le carceri italiane ridotto in condizioni vergognose!

Insomma, quei soldi potrebbero essere spesi in modo molto più utile e dignitoso. La Pietà potrebbe essere invece ospitata a palazzo Marino, sede del Comune: fra l’altro, ogni opera che passa dall’androne del Comune incontra un incredibile successo di pubblico. Si potrebbe anche imporre un biglietto di 1 euro e destinare anche quei soldi a qualche opera utile…

  • Vai a:
     
     
    ©RIPRODUZIONE RISERVATA
Commenti

Speciali

Video Hot

    • Tanti auguri, Lady Pesc

      La tenacia di Renzi sul nome di Federica Mogherini ha ripagato. Ma non è il momento di esultare: la politica estera Ue, a partire dall'Ucraina, rimane una grande incognita

    • Arriva il Quantitative Easing europeo...

      Per tirar fuori l'eurozona dalla sabbie mobili, la Bce è pronta a iniettare ingente liquidità sul mercato comprando titoli. Ma sarà inutile senza nuove politiche industriali da parte dei governi - Deflazione - Disoccupazione